L’arte delle Reborn Dolls

La parola “Reborn” deriva dall’inglese e significa letteralmente “rinato”. La Bambola Reborn è dunque una bambola riportata in vita tramite 2 tipi di processi: il Reborning Process e il Newborning Process. Due tecniche diverse che richiedono molto tempo e ottimi e costosi prodotti di provenienza americana non reperibili in Italia.

Cos’è il Reborning Process?

Consiste nel disassemblare una comune bambola in vinile da gioco, rimuovendo testa, gambe, braccia, corpo e pulendo accuratamente con solvente le varie parti da vernici presenti. Fatto ciò si lavano le singole parti in acqua e, una volta asciutto, inizia una delle fasi più importanti: la pittura. Quest’ultima richiede sicuramente arte, capacità e perfezione, tutte qualità per poter dare vita ad una semplice bambola che diviene reale in tutti i suoi aspetti. E’ importante quindi utilizzare colori appositi, atossici e di grande qualità, per questo parecchio costosi. Altro importantissimo processo è il cosiddetto Rooting, ovvero l’inserimento uno alla volta di capelli morbidi e di alta qualità (chiamati Mohair) con l’aiuto di un finissimo ago buy generic strattera. Stessa tecnica può essere utilizzata per l’inserimento di ciglia e sopracciglia. Il tutto verrà poi fissato con la classica colla vinilica.

Cos’è il Newborning Process?

Stesso processo descritto sopra, ma invece di utilizzare una comune bambola in vinile da gioco, vengono utilizzati dei kit già disassemblati e pronti per la pittura e tutte le fasi successive di lavoro. Tali kit, dai costi non indifferenti, vengono realizzati appositamente in numero limitato da grandi artisti del settore. Personalmente preferisco questa fase perché credo renda il lavoro più curato e soprattutto la bambola riesce ad avere quel senso di “reale” che le comuni bambole non potrebbero avere al 100%bambole non potrebbero avere al 100%